IMIG2016: Genetica e Mesotelioma

Il 1° maggio ha avuto inizio la 13esima Conferenza Internazionale dell’International Mesothelioma Interest Group (iMig 2016) a Birmingham (Regno Unito). Di seguito l’abstract del lavoro di Betti et al., riguardante la predisposizione ereditaria al mesotelioma maligno.

Predisposizione ereditaria al mesotelioma maligno
Betti M., Pasini B., Casalone E., Biasi A., Aspesi A., Boldorini R., Casadio C., Colombo E., Gironi LC., Ferrante D., Grosso F., Guarrera S., Maffe A., Mirabelli D., Ogliara P., Righi L., Rosato S., Turchetti D., Miccoli S., Ascoli V., Libener R., Dianzani C., Papotti M., Magnani C., Matullo G., Dianzani I.

 

Le mutazioni di BAP1 nella linea germinale predispongono alla sindrome detta “cancer-prone” che include mesotelioma, melanoma cutaneo, melanoma uveale ed altri tipi di cancro. Ciò suggerisce che questi tumori abbiano uno step comune durante la cancerogenesi. Per valutare questa ipotesi e per meglio caratterizzare questa sindrome, sono state analizzate 40 famiglie, classificate in tre gruppi: 6 famiglie con mesotelioma e melanoma, 23 famiglie con melanoma (senza casi di mesotelioma) e caratteristiche di predisposizione ereditaria al cancro e 11 famiglie con mesotelioma (senza casi di melanoma) e caratteristiche di predisposizione ereditaria al cancro. Il gene BAP1 è stato sequenziato in tutte le famiglie e le stesse sono state studiate anche per i geni più comunemente implicati nella predisposizione al melanoma (come CDKN2A, CDK4, TERT, MITF e POT1), al fine di comprendere se questi geni potessero conferire suscettibilità anche al mesotelioma. In 2 famiglie su 6 con mesotelioma e melanoma, è stata identificata una mutazione germinale non-sense sul gene BAP1 e una comune mutazione missenso sul gene CDKN2A. In entrambi i casi le proteine di BAP1 e CDKN2A non venivano espresse dal tessuto tumorale. Inoltre, un paziente con melanoma amelanotico multiplo presentava una mutazione germinale missenso e una duplicazione nella regione promotrice di BAP1.
Questo studio indica come CDKN2A, insieme a BAP1, possa essere implicato nella suscettibilità al melanoma ed al mesotelioma e che questi tumori condividano degli steps chiave che conducono alla cancerogenesi. Suggerisce inoltre che altri geni possano essere implicati nella predisposizione genetica al mesotelioma maligno.

BAP1: gene oncosopressore di crescente interesse in quanto le sue mutazioni somatiche sono state riscontrate in diversi tipi di cancro.
Mutazione germinale: mutazioni che si verificano nelle cellule germinali, ovvero cellule aploidi deputate alla funzione riproduttiva, specializzate nella produzione dei gameti. In seguito alla fecondazione, un gamete contenente una mutazione la trasmette al nuovo organismo.
Mutazione missenso: è data dalla sostituzione di una base nel filamento dell’acido nucleico (DNA).
Mutazione non-sense: è una mutazione in cui la sostituzione di una base fa sì che nell’mRNA risultante si formi un codone di stop, per cui la proteina risulta più corta del normale.

IMIG2016 Betti