Metodi di bonifica

 

Metodi Di Bonifica

 

La legge regolamenta in maniera puntuale i Metodi di bonifica previsti nel DM 6/9/94 e riguardano:
• la rimozione
• l’incapsulamento
• il confinamento.

Essi presentano aspetti negativi e aspetti positivi che è utile conoscere ai fini decisionali per fare la scelta più opportuna per il luogo o edificio da bonificare.
Rimozione:

 

• Vantaggi: Elimina il rischio da amianto e quindi la necessità di un programma di controllo e manutenzione. Si può effettuare con ogni bene.
• Svantaggi: Rischio di esposizione alle fibre aerodisperse per gli addetti alla bonifica e per gli occupanti dello stabile. Rischio di contaminazione dell’area d’intervento. Rilevante produzione di rifiuti da smaltire. Necessità di installare un materiale sostitutivo.

• Indicazioni (Controindicazioni): E’ indicata nelle situazioni di materiali molto danneggiati.

 

L’incapsulamento

 

Sulla copertura contenente amianto, che non è rimossa, sono applicati prodotti ricoprenti, in merito ai quali dovrà essere certificata l’efficacia e monitorato nel tempo lo stato di conservazione.
Ciò viene proposto sulla base di un Piano ex art.34 D.Lgs.15 Agosto 1991 n.277 in attuazione delle Direttive CEE 80/110/CEE, 82/605/CEE, 83/477/CEE, 86/188/CEE, 88/642/CEE.
Si dovrà redigere un Piano di Controllo e Manutenzione comunicato all’ASL, competente per territorio, la quale avrà titolo per far ispezionare sito o edificio coinvolto.

• Vantaggi: Costo inferiore rispetto alla rimozione. Non produce rifiuti (in assenza di pulizia preliminare delle coperture e dei canali di gronda). Non richiede un materiale sostitutivo né un piano di lavoro.

• Svantaggi: Comporta la necessità di un programma di controllo e manutenzione ovvero procedere ad una successiva rimozione. Rischio di esposizione per gli addetti e gli occupanti in caso di pulizia preliminare delle coperture.

• Indicazioni: Materiali poco deteriorati e difficilmente accessibili.

• Controindicazioni: Materiali molto danneggiati. Materiali esposti agli agenti atmosferici. Lastre di copertura.

 

Il Confinamento

 

È l’istallazione di una barriera a tenuta che separi l’amianto dalle aree occupate. L’adempimento riguardante il Programma di Controllo e Manutenzione è previsto anche per il precitato metodo.

• Vantaggi: Basso costo, se non occorre trasferire gli impianti. Non produce rifiuti. Non occorre un materiale sostitutivo.

• Svantaggi: Vi è la necessità di un programma di controllo e manutenzione. Non esclude che successivamente sia necessario procedere ad una successiva rimozione. Nel caso di coperture, rischio di sovraccarico del tetto.

• Indicazioni: Materiale localizzato in aree circoscritte.

• Controindicazioni: Necessità di accedere nello spazio confinato. Possibile danneggiamento della barriera di confinamento.

 

Pare importante ricordare che la decisione in ordine alla scelta del metodo di bonifica deve tener conto, altresì, di un altro fattore quale l’aumento di rischio di malattia causato dalla liberazione di fibre, in caso di rimozione e/o trasporto del bene con riferimento alla quantità, alla tipologia, allo stato di degrado del materiale, alla distanza del luogo di dismissione, al mezzo necessario per la movimentazione, al tipo di strada percorsa e ai villaggi o centri abitati incontrati .