Obblighi del committente

 

Obblighi Del Committente

 

In tale ottica si è ritenuto importante indicare quali sono gli obblighi del committente dei lavori, soggetto per conto del quale l’intera opera viene realizzata, sul quale ricadono precisi obblighi dipendenti anche dall’entità e dalla tipologia dei lavori stessi (art. 90).

Tra questi obblighi sono ricompresi:

• la verifica dell’idoneità tecnico-professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in cantiere: il committente è tenuto a verificare che le ditte operanti in cantiere abbiamo capacità tecniche, esperienza, forza lavoro ed attrezzature adeguate a svolgere i lavori loro affidati. L’ allegato XVII dà indicazioni su come effettuare tale verifica. Per le imprese o i lavoratori autonomi che effettuano i lavori di bonifica di materiali contenenti amianto, il committente dovrà altresì verificare che le stesse siano iscritte all’Albo Nazionale dei Gestori Del Rifiuto nella categoria corrispondente (10A amianto compatto – 10B amianto friabile);

• la verifica della regolarità contributiva delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in cantiere: il committente è tenuto a verificare che le ditte operanti in cantiere abbiano assolto agli obblighi legislativi e contrattuali nei confronti di INPS, INAIL e Cassa Edile. Dovrà inoltre richiedere alle imprese una dichiarazione dell’organico medio annuo distinto per qualifica;

• la nomina del coordinatore della sicurezza per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori: la norma prevede che nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente, contestualmente all’affidamento dell’incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione (CSP) e, prima dell’affidamento dei lavori, il coordinatore per l’esecuzione dei lavori (CSE). Ad esempio se nel cantiere una ditta rimuove la copertura in cemento-amianto e una seconda ditta effettua la posa della nuova copertura si ricade in tale obbligo. Il CSP ha l’obbligo di redigere un piano di sicurezza e coordinamento nel quale viene “progettata” la sicurezza del cantiere. Il CSE deve provvedere ad attuare quanto previsto dal piano stesso e verificare che le imprese ed i lavorati autonomi mettano in pratica le indicazioni in esso contenuto;

trasmissione della notifica preliminare: l’art. 99 prevede che il committente prima dell’inizio dei lavori, trasmetta all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti, una notifica elaborata conformemente all’ALLEGATO XII del decreto stesso nei seguenti casi:

– cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea;
– cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla lettera a) per effetto di varianti sopravvenute in corso d’opera;
– cantieri in cui opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno;

nomina del Responsabile dei lavori: il committente ha facoltà di incaricare un soggetto che svolga i compiti ad esso attribuiti dal decreto legislativo 81/08; gli obblighi elencati ai punti precedenti ed in generale quelli previsti dagli artt. 90, 99, 100 e 101 potrebbero essere pertanto a carico del Responsabile dei lavori se nominato. Il committente è comunque esonerato dalle responsabilità connesse all’adempimento a tali obblighi, ma limitatamente all’incarico conferito al responsabile dei lavori. Inoltre la designazione del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per l’esecuzione dei lavori, non esonera il committente o il responsabile dei lavori dalle responsabilità connesse alla verifica dell’adempimento degli obblighi a carico a tali soggetti (redazione Piano di Sicurezza e Coordinamento, verifica dell’applicazione dei contenuti del piano, ecc.).

 

Quanto sopra descritto è un elenco non esaustivo degli obblighi previsti a carico dei committenti o dei responsabili dei lavori; si invita pertanto ad un’attenta lettura del Titola IV del D.L.vo 81/2008 s.m.i. ed eventualmente far riferimento alle sedi S.Pre.S.A.L.

Ai lavori di rimozione e manutenzione dei materiali contenenti amianto si applicano anche le disposizioni specifiche relative ai cantieri temporanei o mobili previste dal Titolo IV del D.L.vo 81/2008 s.m.i.