Alcune sentenze

 

ALCUNE SENTENZE RIGUARDANTI I COMMITTENTI

La giurisprudenza più volte ha ribadito l’indubbia importanza della figura del committente il quale costituisce il “perno intorno al quale ruota la sicurezza nei cantieri” (Cass. Sez. III, 07.07.2003, n. 28774, Szulin) ed, altresì, come sia consolidato il principio secondo il quale “il committente rimane il soggetto obbligato, in via originaria e principale, alla osservanza degli obblighi imposti in materia di sicurezza sul lavoro”.
Gli ermellini sottolineano, attraverso le decisioni prese, come il legislatore, nell’intento di assicurare la sicurezza nei cantieri, abbia imposto una serie di obblighi specifici a carico del committente e, a prescindere dalla natura imprenditoriale o meno, del soggetto appaltatore.
La Corte di Cassazione ha sancito, con la sentenza del 21 settembre 2009 n. 36581, che qualora il committente, privato proprietario, per negligenza o per imperizia, assuma per lo svolgimento dei lavori imprese non qualificate e non dotate dei mezzi per la sicurezza nei cantieri rimane, in ogni caso, garante della salvaguardia dell’incolumità di chi presta attività lavorativa nel suo interesse e deve vigilare affinché le opere siano realizzate in condizioni di sicurezza e nel rispetto della normativa antinfortunistica.

Il committente, nel caso di un contratto di appalto, è ritenuto, sulla base degli obblighi di cui all’art. 26 del D. Lgs. n. 81/2008, corresponsabile con l’appaltatore qualora egli sia sfornito della capacità tecnica e professionale per gli adempimenti necessari in materia antinfortunistica . Tale principio è stato espresso con sentenza della Cassazione del 26 Marzo 2009 n. 7356 (in tal senso Cass. del 1 Giugno 2006 n. 13131) nella quale si è posta in rilievo l’estrema importanza dell’applicazione dell’art. 26 del del D.Lgs. 81/2008 in tema di salute e sicurezza dei lavoratori.
Il testo unico sulla sicurezza sul posto di lavoro D. Lgs. 106/2009 sanziona in modo preciso sia con previsioni amministrative che penali ogni violazione alle sue singole statuizioni.